#Energia – Pro/Contro del Prezzo Fisso e modalità di impiego.

 Tempo di lettura: 40 secondi
energia - prezzo fisso

Il concetto del prezzo fisso è molto semplice da comprendere, tanto da poterlo racchiudere in poche righe:

Quando un gestore ti propone il prezzo fisso ti sta dicendo che per un arco temporale (solitamente di 12 mesi), lui si impegna a fornirti energia ad un prezzo per KWh sempre uguale, a prescindere dalle oscillazioni di mercato.

Quali i Pro e quali i Contro

Come si comprende dalla definizione sopra, il prezzo fisso porta in se un certo status quò, che si esprime in una difesa contro improvvisi rialzi del mercato, ciò Garantisce al Cliente di tenersi al riparo dalle oscillazioni di prezzo ed in una certa misura anche di preventivare quale sarà, alla voce energia, la sua spesa nei futuri 12 mesi.

Di contro possiamo dire che se nell’arco dei 12 mesi di fornitura il prezzo al mercato scende, allora forse sarebbe stato meglio avere un Prezzo a PUN, ma per quella che è la mia esperienza le volte che un Cliente ci ha minimamente rimesso con il prezzo fisso, si contano sulle dita di una sola mano.

Come viene applicato e fatturato

Può esser impiegato in due forme differenti, o in Fasce oppure Picco/F Picco detta anche Bioraria (Peak/Off Peack per gli anglofoni). Se in fasce, allora il Cliente avrà un prezzo differente per ogni fascia F1-F2-F3 ; se è in Picco/F Picco, allora ci sarà un prezzo per l’uno e un prezzo per l’altro.

Conclusioni

Oltre alla caratteristica di stabilità, il prezzo fisso si presta anche ad una comprensione maggiore da parte del Cliente, infatti proprio per questo oggi è la formula di acquisto più diffusa presso le aziende e che si avvia pian piano ad affermarsi anche nel mercato residenziale.

Questo argomento non lo considero esaurito, perchè c’è ancora tanto da dire in merito alla convenienza e alla scelta dell’una o dell’altra modalità di impiego, quindi di certo lo affronterò a breve con un altro post , pertanto ti invito a registrarti al blog per essere avvisato delle prossime pubblicazioni e se adesso hai già delle domande da pormi non esitare a farlo .

Se vuoi contattarmi fallo al 335 5358974 , altrimenti scrivi a info@luxtel.it . Grazie

Ti Aspetto. Ciao..!!

Annunci

#Energia – Le fasce orarie. Scopri perché é importante sapere come misura il tuo contatore (pod)

fasce consumo

Oggi parliamo delle fasce di consumo, di come vengono applicate in fattura e di come le calcola il tuo contatore (POD)

Dallo specchietto che ti ho preparato, puoi leggere due cose. La prima, che l’energia al Cliente può essere fatturata sia in Fasce e sia in Picco/Fuori Picco e la seconda che l’abbinamento orario dei consumi, varia in funzione della metodologia applicata.

Pigiando il tastino posto sul contatore , possiamo ottenere una serie di informazioni importanti, come la potenza disponibile, il tuo numero cliente presso la distribuzione e la lettura per fasce, che non si presenterà come F1-F2-F3 , ma come A1-A2-A3 .

I POD , possono essere o EF oppure EO , cosa significa: Un POD EF s’intende che rileva i consumi solo in fasce, invece un POD EO , rileva i consumi in modalità oraria, cioè ci dice ogni ora quale è stato il ns consumo, questo dato però non è visibile sul POD, ma solo al distributore di zona quando a fine mese effettuerà la lettura complessiva dei consumi.

Se un utente vuol sapere se il suo POD è EF oppore EO , ha due strade da percorrere, o lo trova scritto in fattura e di solito è riportato in prima pagina nel riquadro dedicato alle caretteristiche del POD, es. Potenza; Consumo annuo; indirizzo di ubicazione e qualcos’altro , oppure può chiederlo al suo fornitore. C’è anche qualche altra indicazione che può aiutare, e cioè la potenza che si ha disponibile; Se questa supera i 55 KW allora molto probabilmente il POD è un EO.

Diciamo che un venditore che propone una tariffa, per correttezza  e trasparenza verso il Cliente, dovrebbe attenersi  proprio alla caratteristica di misurazione del POD. Se davanti si trova un POD EF , meglio vendere una tariffa in fasce, se invece è un EO allora è possibile vendere sia quella in fasce e sia il picco/f.picco. Per Te conoscere questo particolare è importante, perchè può tornarti utile sia per capire i costi della tua fattura e sia quando andrai a valutare nuove offerte.

Per eventuali chiarimenti puoi postare un commento, io resto a Tua disposizione. Adesso però aiutami a diffondere il messagio condividendo l’articolo come più ti è congeniale, sotto troverai i tastini per farlo velocemente, ti basta un rapido clik per premiare il mio impegno 😉

Ti Aspetto. Ciao..!!